I membri del SAE sono cristiani di diverse chiese e denominazioni che si riferiscono allo stesso Signore Gesù Cristo, alla stessa fede e allo stesso Vangelo annunciato e testimoniato dagli apostoli.

Consapevoli che i doni e la chiamata di Dio sono senza pentimento (Rom 11,29), essi si prefiggono di instaurare un fecondo dialogo con il popolo ebraico a cui, come afferma Paolo, appartengono l'adozione a figli, la gloria, le alleanze, le promesse e da cui è nato Cristo secondo la carne (Rom 9,4-5).

Riconoscono che questi doni di Dio sono stati accolti in tradizioni diverse e sono stati espressi attraverso diverse culture e teologie. In riferimento alle chiese e alle diverse denominazioni cristiane considerano le

Il gruppo SAE è presente a Livorno da oltre 30 anni; le prime tre socie sono state Edith Garone, Milla Ciampi e Maria Bruni tutte ormai decedute più che novantenni.
Molto presto c'è stata l'adesione di un socio, Renato Rossi, che è divenuto il primo diacono permanente della nostra diocesi ed è ancora presente tra gli "Amici" del SAE. Vorrei ricordare anche Lidia Melodia, battista aderente alla chiesa valdese, che ha presto contribuito alla connotazione interconfessionale del gruppo. Purtroppo dopo la sua morte e quella del pastore Scuderi, membro aderente, non ci sono più stati soci di altre confessioni, anche se molti sono gli amici e i collaboratori valdesi e battisti. Ora il gruppo è formato da una quindicina di soci e, oltre ai consulenti protestanti e ortodossi, ha buoni rapporti con gli Ebrei. Nel '98 il gruppo ha espresso un suo regolamento, sulla base dello Statuto dell'Associazione. Per quanto riguarda il reperimento dei fondi necessari alla sua attività annuale ci si avvale di un autofinanziamento dei soci attraverso "libere quote sociali".